Epistenologia in opera – Il vino e la creatività della percezione. Laboratorio con Nicola Perullo

IL VINO E LA CREATIVITA’ DELLA PERCEZIONE – L’ESPERIENZA 

L’esperienza inizierà scendendo le scale di antica pietra del suggestivo Terracotta Ristorante, a Zola Predosa, a due passi da Bologna, per entrare anche simbolicamente nelle profondità di un evento particolarissimo, a cui teniamo molto.
Guidati da Nicola Perullo, filosofo ed autore di testi rivoluzionari – Epistenologia 1 e 2, Mimesis Editore – attorno alla sacralità creativa del vino, vivremo e racconteremo i vini in maniera antica, superando – finalmente! –
 i dogmi rigidi ed i tecnicismi da degustazioni, cercando punti di incontro ed intrecci attraverso la sua anima pulsante.
Il vino si farà medium, sostanza attiva; densità di racconti mitici.

Perullo, facilitatore di questi scambi, attraverso esercizi di percezione, di attenzione, e di arte attraverso il vino, condurrà le esperienze ed i racconti proponendo direttamente una sua selezione di vini “vivi e vitali, non commodity ma opera d’arte viva a loro volta”.
Un’esperienza intensa di meraviglia e profondità
attraverso il vino, da esserne completamente assorbiti ed uscirne trasformati.

“Il neologismo “epistenologia” indica da un lato l’idea di un sapere non sul vino ma con il vino, dall’altro, e più in generale, la prospettiva di una interpenetrazione continua tra ontologia, epistemologia e estetica.Questa filosofia si propone come un progetto educativo che contribuisce a innalzare il livello di consapevolezza dell’interdipendenza e delle connessioni che costituiscono la vita non solo umana. E lo fa attraverso l’esperienza con il cibo.”
Nicola Perullo

PROGRAMMA DELLA GIORNATA
Ore 16 – Ritrovo e introduzione all’Epistenologia – il Vino e Lo stare dell’Arte, di Nicola Perullo
(momento introduttivo trasmesso anche in diretta radio-web)
Ore 18.00
– Opera Epistenologica: 3 esercizi
Ore 20.00 – Piccolo ristoro con vino
Ore 21.30 – Opera Epistenologica: 2 esercizi
Ore 23.00 – Commiato

IMMAGINI DA ALTRE ESPERIENZE EPISTENOLOGICHE

QUANDO
18 novembre 2018,
dalle 16.00 alle 23.00

DOVE
Terracotta Ristorante,
Via Roma, 2 – Zola Predosa (BO)
http://www.terracottaristorante.it/

CONTRIBUTO ALL’EVENTO
50 euro
+  tessera annuale dell’Associazione Hirundo (5 euro)
comprensivi dell’esperienza, di un piccolo ristoro e dei vini scelti da Nicola Perullo

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI
Considerata la particolarità dell’evento, il laboratorio ha un numero di posti molto limitato.
Per partecipare è
necessaria la prenotazione.

-> mail: 
lupoecontadino@gmail.com
-> phone: Damiano – 3385282777

—-

NICOLA PERULLO/ BIO

Nicola Perullo, filosofo, Professore Ordinario di Estetica all’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo.
Ha iniziato una lunga ricerca sui rapporti tra filosofia, estetica, cibo e vino. A partire dalle prime pubblicazioni (“Per un’estetica del cibo”, 2006, “L’altro gusto”, 2008, “Filosofia della gastronomia laica”, 2010) il lavoro è proseguito approfondendo i rapporti tra estetica, gastronomia e gusto (“Il gusto come esperienza”, 2012) e quelli tra cibo e arte (“La cucina è arte? Filosofia della passione culinaria”, 2013).
Il vino è stato scelto quale medium principale per accompagnare una svolta nella ricerca verso un’ecologia della vita integrale che consente di pensare, da un lato, la creatività della percezione e dunque il carattere strutturalmente immaginativo della conoscenza, dall’altro, l’esistenza e l’essenza come nodi di relazioni (meshwork).  (Epistenologia. Il vino e la creatività del tatto, 2016; Ecologia della vita come corrispondenza, 2017; Il gusto non è un senso ma un compito, 2018).
Biografia completa: https://www.unisg.it/docenti/nicola-perullo/

 INTERVISTA RADIO – IL LUPO E IL CONTADINO